sito web ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE  'Einstein - De Lorenzo'  POTENZA - Via Sicilia, 4  - 85100 Potenza - www.itigeopz.edu.it
  in connessione: 2
  totale visitatori: 5159609

SI RACCOMANDA AL PERSONALE DELLA SCUOLA DI VISIONARE QUOTIDIANAMENTE IL SITO PER GLI AVVISI DI PERTINENZA     -

sabato  
19 giugno 2021  

     

 
 Home
Contatti e Recapiti
La ns. Piattaforma Didattica
Webmail Aruba
 
 
 Info Generali
Il Consiglio d'Istituto
Il Dirigente Scolastico
Il corpo docente
Il personale ATA
Giornale d'istituto
Contatti e recapiti
Elenco Siti Tematici
 
 
 EVENTI

 
 
 Progetto Premio Asimov

 
 
 Progetto SERVICE
''Scuola - Rotary Torre Guevara''
 
 
 PON 2014-2020

LABORATORI PROFESSIONALIZZANTI
SMART CLASS
Sussidi Didattici
Apprendimento e socialità - avviso 9707
Laboratori FESR B1
Laboratori FESR B2
Laboratori FSC B1
Laboratori FSC B2
Pon Inclusione sociale e Lotta al disagio
Percorsi per adulti e giovani adulti
Potenziamento dei percorsi di alternanza scuola-lavoro
Ambienti digitali
Rete LAN-WLAN
 
 
 Progetto didattico Unesco

La rete delle scuole Unesco
 
 
 Area dirigente
 
 
 Area docenti
 
 
 Area ATA
 
 
 Scuolanext

 
 
 Pago online

Istruzione per le famiglie
 
 
 Test Center ECDL
Avvisi
 
 
 Attività Sportive
Avvisi e informazioni
 
 
 SEDE via SICILIA
I docenti
Galleria fotografica
 
 
 SEDE via R.DANZI
I docenti
Galleria fotografica
 
 
 I volti del Novecento

Il progetto
Calendario 2ª annualità
Documenti e articoli
 
 
 Alternanza Scuola-Lavoro
Info e comunicazioni
Lavori prodotti
 
 
 Orientamento in uscita

Informazioni e comunicazioni
 
 
 ERASMUS +
Web 2.0 tools in education
Hands ON Minds ON
E-Commerce For START-UPS
Self Trust in using Technology
Human Eco-Friendly low level energy
 
 

Il giornale d'istituto...



sommario







pubblicato da
PORRETTI Maria Grazia
(A012 - Discipline letterarie negli istituti di istr 
23/02/2019 20:24:03

L'Arte...dell'Accoglienza

Le migrazioni sono un argomento molto diffuso e contemporaneo, infatti martedì 7 Febbraio, in aula magna, abbiamo incontrato il Prof. Verrastro, docente di Storia Contemporanea dell’UNIBAS, che ha trattato questo tema.
Egli ha affrontato il fenomeno dei flussi migratori presente in Italia, partendo da un dato storico e cioè dalla sua diffusione già tra la fine dell’800 e l’inizio del ‘900.
Nell’Ottocento i principali motivi che spinsero i nostri connazionali ad andare via furono economi e politici, oltre che sociali: erano presenti un’arretratezza agricola ed una povertà molto forte che spinsero migliaia di lavoratori, che vivevano in situazioni precarie, ad abbandonare la loro terra alla ricerca di una vita e un futuro migliori.
All’inizio, negli anni precedenti all’Unità italiana nel 1861, si trattava di migrazioni all’interno della stessa Europa, le cui mete preferite erano Paesi come Francia, Svizzera, Germania.
L’emigrazione italiana iniziò prevalentemente dopo la seconda industrializzazione quando, circa undici milioni di italiani si avventurarono oltreoceano con vecchie navi lasciando l’Italia e dirigendosi verso i Paesi dell’America Latina, il Brasile e l’Argentina poiché proprio in quei territori vi era una maggiore richiesta di manodopera nelle industrie e perché in quei paesi vi erano molti spazi incolti che potevano essere trasformati in campi adatti all’agricoltura e all’allevamento.
Tra il 1914 e il 1918 ci fu un generale arresto dei flussi migratori a causa della Prima Guerra Mondiale, periodo in cui bisognava lottare per la patria e tenere in alto il nome dell’Italia. Poi si ebbe una leggera ripresa delle migrazioni ma, con lo scoppio della Seconda Guerra Mondiale, nel 1939 e fino al 1945, ci fu nuovamente un totale arresto.
A partire dal 1946 l’ondata migratoria coinvolse l’Italia meridionale ma questa volta le mete preferite furono i Paesi dell’Europa: all’inizio gli Italiani vennero attratti dagli alti salari che offriva il Belgio, in cambio di pesanti lavori nelle miniere, successivamente si spostarono in Germania e in Svizzera dove vi era una richiesta di manodopera nelle industrie.
In questo periodo nacque il concetto del tempo libero, dato che non si lavorava più tutta la settimana ma si aveva un giorno di riposo per trascorrerlo con la famiglia.
In molte nazioni come gli USA si effettuavano dei controlli prima di far entrare gli immigrati nel proprio stato per evitare la contaminazione di nuove malattie.
Generalmente all’inizio partiva solamente il capo famiglia che doveva adattarsi alle condizioni di vita del nuovo Paese e inviare le rimesse, cioè il guadagno del lavoro da inviare in Italia e successivamente portava con sè tutta la famiglia.
Verso la metà del ‘900 nacquero i primi quartieri nei quali abitavano principalmente Italiani, il più famoso fu Little Italy, nello stato di New York, in America.
Il flusso migratorio verso l’estero cominciò a diminuire intorno agli anni Sessanta quando in Italia ci fu il boom economico che fece nascere, nel nord Italia, piccole e medie industrie che, per funzionare, avevano bisogno di manodopera.
Iniziò così una forte migrazione interna che “obbligò” i contadini e i braccianti del sud ad abbandonare il Meridione povero, arretrato e con un’ economia agricola e a trasferirsi al Nord in cerca di lavoro e di una vita più dignitosa, contribuendo allo sviluppo non solo del Settentrione, ma a quello dell’intera Nazione.
In tal modo molte aree del Mezzogiorno si spopolarono mentre i Paesi industrializzati del Nord si sovraffollarono.
Da ciò che abbiamo ascoltato pensiamo che il tema delle migrazioni si possa considerare in continua evoluzione, perché il fenomeno dei flussi migratori è oggi presente persino nei piccoli paesi i cui abitanti vanno, per tante ragioni, verso grandi città.
Oggi l’Italia è una nazione nella quale ci sono molti cittadini provenienti soprattutto dall’Africa e da Paesi meno agiati.
Dai confronti che abbiamo avuto tra noi studenti, è emerso che per risolvere il problema degli abbondanti flussi migratori bisognerebbe stabilire un programma di azioni che il nostro Parlamento dovrebbe curare, proponendo delle iniziative politiche ed economiche ai membri dell’Unione Europea, instaurando il principio di parità nel gestire il fenomeno “migrazione”.
Inoltre crediamo che, accogliendo i migranti nei modi giusti e appropriati, trarremo solo vantaggi che ci permetteranno l’ampliamento e il confronto delle diverse culture, valori utili non solo a noi Paese ospitante, ma anche a loro che, sentendosi accettati non avvertiranno alcuna discriminazione, come spesso accade, ma si sentiranno integrati in una società pacifica.

Gli studenti della classe 5 A Meccatronica









pubblicato da
PORRETTI Maria Grazia
(A012 - Discipline letterarie negli istituti di istr 
17/02/2019 09:41:56

Leggere, per cercare la verità

Nella nostra scuola abbiamo avviato un’attività didattica sperimentale che va sotto il nome “Adotta un libro” indirizzata alle classi del triennio e Sabato 26 gennaio, le classi terze e quarte dell’I.I.S. Einstein- De Lorenzo hanno partecipato all’ incontro, organizzato dalla prof.ssa M.G. Porretti, nostra docente di Lettere, con lo scrittore Pierluigi Argoneto, autore del romanzo “Sopra un cielo a comando”. Con questo testo l'autore ha realizzato un interessantissimo viaggio in Basilicata molto lungo e affascinante in tutti i luoghi che hanno reso famosa la nostra regione.
La prima tappa di questo viaggio, lungo circa duemilaseicento anni, parte da Metaponto e dal tempio di Hera che è stata la residenza di uno dei più famosi matematici della nostra storia: Pitagora. Il filosofo e scienziato greco era convinto che i numeri fossero gli artefici di ogni cosa, sia della realtà fisica sia delle nostre emozioni e sentimenti.
Dalla Metaponto del 500 a.C. si passa all’ Età Medioevale di Federico II e dei suoi castelli posizionati a Lagopesole e a Melfi dove sono nate le Costituzioni Melfitane, primo esempio scritto di regole di cittadinanza.
Ultima tappa significativa di questo viaggio, prima di Matera, da poco eletta capitale culturale dell’Europa, è Sasso di Castalda dove è nato Rocco Petrone, ingegnere capo della missione Apollo 11 che ha permesso a Neil Armstrong, nel 1969, appena cinquanta anni fa, di mettere piede sul suolo lunare per la prima volta.
L’ autore ha preferito utilizzare un linguaggio semplice per farci incuriosire, lasciando intendere che la scienza è molto importante nella nostra vita quotidiana anche se, a volte, può risultare a noi incomprensibile.
La cosa che ci ha stupito di più di questo incontro è stato riflettere sul fatto che una regione piccola come la nostra e, spesso, abbandonata del sud Italia, ha dato origini e lustro a personaggi distanti da noi per età e che abbiamo conosciuto solo attraverso richiami culturali come Pitagora, per la matematica, o Rocco Petrone per l’ingegneria, rispetto a personaggi di oggi, ben più noti, come ad esempio Arisa, Rocco Papaleo o Simone Zaza e di cui tutti sanno.
Grazie a questo incontro sono emerse nuove conoscenze e informazioni che ci hanno fatto apprezzare ancora di più la nostra regione e che dobbiamo impegnarci a far valorizzare perchè queste ricchezze possono stimolarci ad avere una maggiore attenzione agli aspetti di vita quotidiana della nostra terra.
Per realizzare questo romanzo Pierluigi ha speso tantissimo impegno e soprattutto tantissimo studio che, secondo l’autore, è la formula necessaria che aiuta a svilupparci culturalmente oltre che rappresentare un metodo efficace per combattere l’ignoranza e la stupidità.
Da tutte le nostre opinioni è emerso che, interpretando il titolo, pensiamo che i più grandi personaggi della Basilicata hanno vissuto….” Sotto il cielo” in cui viviamo noi oggi mentre la terra, i fiumi e le montagne sono un patrimonio in continuo mutamento prodotto, spesso, da azioni non rispettose di noi umani….
Questa iniziativa la riteniamo molto utile per noi ragazzi degli istituti tecnici che non siamo abituati a leggere e a riflettere su ciò che ci appartiene o che ci capita. Per una volta l’aula magna era interessata e attenta all’incontro e per una volta, possiamo dire, che anche noi siamo stati importanti per la storia dell’Umanità.
Gli studenti della 4° Meccatronica




 

<--indietro  1   2   3   4   5   6   7   8   9   10  11  12   13   14   15   16   17   18   19   20   21   22   23   24   25   26   27   28   29   30   31   32   33   34   35   36   37   38   39   40   41   42   43   44   45   46   47   48   49   50   51   52   53   54   55   56   57   58   59   60   61   62   63   64   65   66   67   68   69   70   71   72   73   74   75   76   77   78   79   80   81   82   83   84   85   86   87   88   89   90   91   92   93   94   95   96   97   98   99   100   101   102   103   104   105   106   107   108   109   110   111   112   113   114   115   116   117   118   119   120   121  avanti--> ]

 
 radioitigeo.it

 
 
 Orientamento in entrata

Iscrizioni A.S. 2021-22
 
 
 Amministrazione Trasparente
Fino al 22/01/2020
Dal 23/01/2020
Piano Triennale Prevenzione Corruzione
Criteri Valorizzazione Docenti
Codice di Comportamento
Codice Disciplinare
Graduatorie d'Istituto
 
 
 ALBO
Albo Pretorio
Albo Istituto
Esami di Stato
Privacy
Sicurezza nella scuola
Avvisi e circolari
Albo Sindacale
Delibere Organi Collegiali
Modulistica
 
 
 COVID 19
Normativa COVID 19
 
 
 PTOF E REGOLAMENTI
Atto di indirizzo 20/21-20/22
PTOF e PdM 2020/21
NAVIGA IL PTOF
Curricolo di Istituto
RAV 2019-2022
CARTA DEI SERVIZI
Regolamento di Ist. con DDI
Nuovo reg. attività negoziali
DPR 62/2013
PTTI PianoTriennaleTrasparenza
Regolamento Albo Pretorio
Regolamento viaggi di istruzio
PTOF 2019 2020
Patto di corresponsabilità
Piano Annuale per l'Inclusione
Reg. OO.CC. in mod. telematica
 
 
 Rendicontazione Sociale
Rendicontazione sociale
Risultati legati all'autovalut
Obiettivi formativi
 
 
 VALORIZZAZIONE MERITO DOCENTI

icona

ASSEGNAZIONE BONUS
 
 
 La buona SCUOLA

Dirette e Social
Il rapporto
I dibattiti
Campagna di ascolto
 
 
 Didattica
INVALSI
Siti di interesse didattico
I libri di testo
 
 
 Biblioteca

 
 
 Varie
Assicurazione
Le News
 
 
 Spazio Studenti
Discussioni, idee... e altro
Spazio rappresentanti
 
 
 ATTIVITÀ DELL'IIS
Anno scolastico 2020/21
Anno scolastico 2019/20
Anno scolastico 2018/19
Anno Scolastico 2017/18
Anni scolastici precedenti
 
 
 Museo della Comunicazione

 
 
 Progetto: ebrei internati in Basilicata

 
 





Privacy         Note Legali         Accessibilità  Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS!

  tel. 0971.444489  fax 0971.444489    C.F.: 96068000767
Codice meccanografico: PZIS022008    Codice Univoco per fatturazione: UFHM9R
email: pzis022008@istruzione.it     email certificata: pzis022008@pec.istruzione.it

Home | Area DS | Area studenti | Area genitori | Area docenti | Area ATA |Amministratore

 © Copyright 2015 InteractiveSchool 

Interactive School è un marchio registrato by Rocco De Stefano