sito web ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE  'Einstein - De Lorenzo'  POTENZA - Via Sicilia, 4  - 85100 Potenza - www.itigeopz.edu.it
  in connessione: 3
  totale visitatori: 5159608

SI RACCOMANDA AL PERSONALE DELLA SCUOLA DI VISIONARE QUOTIDIANAMENTE IL SITO PER GLI AVVISI DI PERTINENZA     -

sabato  
19 giugno 2021  

     

 
 Home
Contatti e Recapiti
La ns. Piattaforma Didattica
Webmail Aruba
 
 
 Info Generali
Il Consiglio d'Istituto
Il Dirigente Scolastico
Il corpo docente
Il personale ATA
Giornale d'istituto
Contatti e recapiti
Elenco Siti Tematici
 
 
 EVENTI

 
 
 Progetto Premio Asimov

 
 
 Progetto SERVICE
''Scuola - Rotary Torre Guevara''
 
 
 PON 2014-2020

LABORATORI PROFESSIONALIZZANTI
SMART CLASS
Sussidi Didattici
Apprendimento e socialità - avviso 9707
Laboratori FESR B1
Laboratori FESR B2
Laboratori FSC B1
Laboratori FSC B2
Pon Inclusione sociale e Lotta al disagio
Percorsi per adulti e giovani adulti
Potenziamento dei percorsi di alternanza scuola-lavoro
Ambienti digitali
Rete LAN-WLAN
 
 
 Progetto didattico Unesco

La rete delle scuole Unesco
 
 
 Area dirigente
 
 
 Area docenti
 
 
 Area ATA
 
 
 Scuolanext

 
 
 Pago online

Istruzione per le famiglie
 
 
 Test Center ECDL
Avvisi
 
 
 Attività Sportive
Avvisi e informazioni
 
 
 SEDE via SICILIA
I docenti
Galleria fotografica
 
 
 SEDE via R.DANZI
I docenti
Galleria fotografica
 
 
 I volti del Novecento

Il progetto
Calendario 2ª annualità
Documenti e articoli
 
 
 Alternanza Scuola-Lavoro
Info e comunicazioni
Lavori prodotti
 
 
 Orientamento in uscita

Informazioni e comunicazioni
 
 
 ERASMUS +
Web 2.0 tools in education
Hands ON Minds ON
E-Commerce For START-UPS
Self Trust in using Technology
Human Eco-Friendly low level energy
 
 

Il giornale d'istituto...



sommario







pubblicato da
PORRETTI Maria Grazia
(A012 - Discipline letterarie negli istituti di istr 
05/01/2019 09:59:20

CIAK SI GIRA: IN VIAGGIO CON DANTE...

Nella giornata di lunedì 26 novembre 2018 la classe 5 A, insieme ad altre del nostro istituto, si è recata al teatro Stabile di Potenza per assistere alla presentazione del lavoro cinematografico "In viaggio con Dante" del regista Lamberto Lambertini.
Il regista, già presente in teatro, ci ha accolti e lodati per la nostra puntualità e ci ha anticipato che il suo è stato un lavoro costruito nel tempo.
Prima di iniziare la proiezione della versione ridotta del film che è durata circa ventuno minuti, ci ha spiegato il suo progetto che, attraverso la lettura dei cento canti, ha voluto focalizzare l’attenzione degli spettatori su cento luoghi significativi dell’Italia scelti da lui per le attività artigianali che in essi vengono svolti, ha dedicato circa dodici minuti ad ognuno ed ha realizzato l’opera complessiva in ventuno ore. Nelle immagini che sono state proiettate, il regista ci ha mostrato, per esempio, la fusione di una campana nella fornace dei Marinelli ad Agnone mentre in sottofondo declamava i versi del famoso canto V dell’Inferno, dedicato a Paolo e Francesca, oppure la costruzione ed animazione dei pupi siciliani del maestro N. Cuticchio….
In questo viaggio strutturato in tre parti: Maratona infernale (Inferno), Montagna infinita (Purgatorio), Senza principio e senza fine (Paradiso), il regista ha dedicato sette canti del Purgatorio a Matera sia per la sua particolare struttura geofisica, sia per il cambiamento culturale che si sta attuando nella città.
Noi abbiamo apprezzato molto questa idea perché attraverso i passi recitati dal regista, abbiamo fissato meglio nella nostra mente lo studio dell’opera e conosciuto località che evidenziano la bellezza dei paesaggi italiani, anche dei più piccoli borghi, rendendo più facile e gradevole la comprensione della poesia e stimolando la nostra curiosità per andare a visitarli. Grazie alle grandi competenze culturali del regista, pensiamo che attraverso questa sua proposta risulterà più facile avvicinare le nuove generazioni alla letteratura che non incontra sempre gli interessi degli studenti verso i testi della cultura classica.
Dopo questa esperienza abbiamo apprezzato maggiormente il valore della grande opera di Dante Alighieri e speriamo che queste nuove forme artistiche possano avvicinare sempre di più noi giovani ai nuovi linguaggi tecnologici in modo più consapevole e utile alla nostra crescita culturale.
Gli alunni della 5 A Meccatronica







Luci d''Artista



pubblicato da
PORRETTI Maria Grazia
(A012 - Discipline letterarie negli istituti di istr 
22/12/2018 13:52:36

Salerno: tra luci della ribalta e luci d’artista…

Partecipare ad uno spettacolo teatrale fuori regione, non ci era mai capitato, e quest’anno, con altre sei classi del nostro istituto, il 14 Dicembre abbiamo avuto questa possibilità per andare ad assistere allo spettacolo che metteva in scena la novella “Rosso Malpelo’’. Giovanni Verga, il suo autore, è considerato il maggior esponente della corrente letteraria italiana del Verismo, sviluppatasi nella seconda metà dell’Ottocento. La novella a cui abbiamo assistito a teatro è considerata la prima vera testimonianza verista di Verga.
Narra di un ragazzo con i capelli rossi che lavora in una cava di rena rossa e, a causa della mentalità di allora, frutto dei pregiudizi sociali, viene emarginato da tutti anche dalla madre e dalla sorella tranne che dal padre, Mastro Misciu dopo la cui morte, alla cava va a lavorare Ranocchio, chiamato così per il suo modo di camminare. Malpelo cerca di proteggerlo anche se lo tratta in modo crudele perché, secondo lui, Ranocchio non era in grado di lavorare alla cava perché era ancora piccolo e giocava con i “pupi”, marionette usate nei teatri siciliani. Dopo poco tempo si ammala, muore e a lui subentra l’evaso dalla prigione. Malpelo, ormai rassegnatosi alla sua pessima vita, accetta di esplorare un nuovo tunnel, incarico pericolosissimo che nessuno voleva accettare per non perdersi e morire là dentro. In questa novella Verga esprime tutto il suo pessimismo considerando i deboli e i miseri condannati a nessuna speranza di vedere migliorare il proprio destino, ma lo spettacolo, con la sua rielaborazione, è riuscito a trasmetterci una prospettiva diversa poiché il regista, che è anche l’interprete del protagonista della vicenda, ci ha fatto capire che sta a noi scegliere il nostro destino e cambiarlo con impegno e tenacia.
Abbiamo anche visitato il complesso archeologico di San Pietro a Corte che si trova nel centro storico di Salerno. E’un ambiente che fa riferimento all’area archeologica risalente al I secolo d.C. in cui abbiamo notato il frigidarium (per l’acqua fredda) e il calidarium (per la calda) appartenenti alle antiche terme romane. La zona del frigidarium fu riutilizzata nel V secolo da una comunità di cristiani che la adibirono a ecclesia con annesso cimitero. Nel tempo si sono sovrapposti altri stili architettonici dipendenti dalle varie dominazioni che ha subìto fino al 1700 circa e, nel 1937 la cappella divenne bottega di un fabbro.
La guida ci ha portati a visitare anche il duomo di Salerno costruito in stile romanico nell'XI secolo e più volte modificato, con diverse aggiunte barocche. Il campanile, di grande valore storico ed artistico, è un'importante testimonianza della fusione del periodo arabo-normanno e che ha ben otto campane. Il duomo di Salerno fu costruito sulle rovine di un tempio romano tra il 1080 ed il 1085 dopo la conquista della città da parte di Roberto il Guiscardo d'Altavilla, un condottiero normanno che fu investito da papa Niccolò II del titolo di Duca di Puglia e Calabria e Signore di Sicilia. La cattedrale fu consacrata nel giugno del 1084 dal papa Gregorio VII e ampliata successivamente con il ritrovamento delle spoglie di san Matteo, venute alla luce il 4 maggio 954.
Sia la parte interna che la cripta, in cui sono conservate le spoglie di San Matteo, sono di grande valore artistico e ci hanno dato l’immagine dello stile Barocco in tutta la sua bellezza e ricchezza.
Anche il portale della facciata e il quadriportico ci hanno mostrato uno spettacolo molto interessante e nei pressi della Porta in Bronzo, che un tempo era ricoperta in oro e argento, la guida ci ha fatto notare che sono incisi su una lapide quattro versi di una poesia che G. D’Annunzio dedicò alla Cattedrale.
Nel tardo pomeriggio abbiamo visitato le famose luminarie natalizie o “Luci d’Artista” che fanno brillare la città in ogni vicolo e che di anno in anno sono diverse perché sono a tema, quest’anno è stato scelto “Mare, Mito e La Divina Costiera” e la Villa Comunale si è trasformata in un vero e proprio acquario”.
E’stata una bella esperienza, una crescita culturale grazie alla guida e ai professori presenti quel giorno che hanno contribuito a far arricchire il nostro bagaglio di esperienza facendoci comprendere il valore di quegli edifici storici posizionati a non molti chilometri di distanza da noi.
Gli alunni della 5 A Meccanica




 

<--indietro  1   2   3   4   5   6   7   8   9   10   11   12   13   14  15  16   17   18   19   20   21   22   23   24   25   26   27   28   29   30   31   32   33   34   35   36   37   38   39   40   41   42   43   44   45   46   47   48   49   50   51   52   53   54   55   56   57   58   59   60   61   62   63   64   65   66   67   68   69   70   71   72   73   74   75   76   77   78   79   80   81   82   83   84   85   86   87   88   89   90   91   92   93   94   95   96   97   98   99   100   101   102   103   104   105   106   107   108   109   110   111   112   113   114   115   116   117   118   119   120   121  avanti--> ]

 
 radioitigeo.it

 
 
 Orientamento in entrata

Iscrizioni A.S. 2021-22
 
 
 Amministrazione Trasparente
Fino al 22/01/2020
Dal 23/01/2020
Piano Triennale Prevenzione Corruzione
Criteri Valorizzazione Docenti
Codice di Comportamento
Codice Disciplinare
Graduatorie d'Istituto
 
 
 ALBO
Albo Pretorio
Albo Istituto
Esami di Stato
Privacy
Sicurezza nella scuola
Avvisi e circolari
Albo Sindacale
Delibere Organi Collegiali
Modulistica
 
 
 COVID 19
Normativa COVID 19
 
 
 PTOF E REGOLAMENTI
Atto di indirizzo 20/21-20/22
PTOF e PdM 2020/21
NAVIGA IL PTOF
Curricolo di Istituto
RAV 2019-2022
CARTA DEI SERVIZI
Regolamento di Ist. con DDI
Nuovo reg. attività negoziali
DPR 62/2013
PTTI PianoTriennaleTrasparenza
Regolamento Albo Pretorio
Regolamento viaggi di istruzio
PTOF 2019 2020
Patto di corresponsabilità
Piano Annuale per l'Inclusione
Reg. OO.CC. in mod. telematica
 
 
 Rendicontazione Sociale
Rendicontazione sociale
Risultati legati all'autovalut
Obiettivi formativi
 
 
 VALORIZZAZIONE MERITO DOCENTI

icona

ASSEGNAZIONE BONUS
 
 
 La buona SCUOLA

Dirette e Social
Il rapporto
I dibattiti
Campagna di ascolto
 
 
 Didattica
INVALSI
Siti di interesse didattico
I libri di testo
 
 
 Biblioteca

 
 
 Varie
Assicurazione
Le News
 
 
 Spazio Studenti
Discussioni, idee... e altro
Spazio rappresentanti
 
 
 ATTIVITÀ DELL'IIS
Anno scolastico 2020/21
Anno scolastico 2019/20
Anno scolastico 2018/19
Anno Scolastico 2017/18
Anni scolastici precedenti
 
 
 Museo della Comunicazione

 
 
 Progetto: ebrei internati in Basilicata

 
 





Privacy         Note Legali         Accessibilità  Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS!

  tel. 0971.444489  fax 0971.444489    C.F.: 96068000767
Codice meccanografico: PZIS022008    Codice Univoco per fatturazione: UFHM9R
email: pzis022008@istruzione.it     email certificata: pzis022008@pec.istruzione.it

Home | Area DS | Area studenti | Area genitori | Area docenti | Area ATA |Amministratore

 © Copyright 2015 InteractiveSchool 

Interactive School è un marchio registrato by Rocco De Stefano