sito web ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE  'Einstein - De Lorenzo'  POTENZA - Via Sicilia, 4  - 85100 Potenza - www.itigeopz.edu.it
  in connessione: 11
  totale visitatori: 5159672

SI RACCOMANDA AL PERSONALE DELLA SCUOLA DI VISIONARE QUOTIDIANAMENTE IL SITO PER GLI AVVISI DI PERTINENZA     -

sabato  
19 giugno 2021  

     

 
 Home
Contatti e Recapiti
La ns. Piattaforma Didattica
Webmail Aruba
 
 
 Info Generali
Il Consiglio d'Istituto
Il Dirigente Scolastico
Il corpo docente
Il personale ATA
Giornale d'istituto
Contatti e recapiti
Elenco Siti Tematici
 
 
 EVENTI

 
 
 Progetto Premio Asimov

 
 
 Progetto SERVICE
''Scuola - Rotary Torre Guevara''
 
 
 PON 2014-2020

LABORATORI PROFESSIONALIZZANTI
SMART CLASS
Sussidi Didattici
Apprendimento e socialità - avviso 9707
Laboratori FESR B1
Laboratori FESR B2
Laboratori FSC B1
Laboratori FSC B2
Pon Inclusione sociale e Lotta al disagio
Percorsi per adulti e giovani adulti
Potenziamento dei percorsi di alternanza scuola-lavoro
Ambienti digitali
Rete LAN-WLAN
 
 
 Progetto didattico Unesco

La rete delle scuole Unesco
 
 
 Area dirigente
 
 
 Area docenti
 
 
 Area ATA
 
 
 Scuolanext

 
 
 Pago online

Istruzione per le famiglie
 
 
 Test Center ECDL
Avvisi
 
 
 Attività Sportive
Avvisi e informazioni
 
 
 SEDE via SICILIA
I docenti
Galleria fotografica
 
 
 SEDE via R.DANZI
I docenti
Galleria fotografica
 
 
 I volti del Novecento

Il progetto
Calendario 2ª annualità
Documenti e articoli
 
 
 Alternanza Scuola-Lavoro
Info e comunicazioni
Lavori prodotti
 
 
 Orientamento in uscita

Informazioni e comunicazioni
 
 
 ERASMUS +
Web 2.0 tools in education
Hands ON Minds ON
E-Commerce For START-UPS
Self Trust in using Technology
Human Eco-Friendly low level energy
 
 

Il giornale d'istituto...



sommario





un momento dell''incontro...



pubblicato da
DE CARLO Maria
(REL - RELIGIONE) 
19/04/2017 14:43:42

Nutrizione e disturbi alimentari: "Noi siamo quello che mangiamo"

Un ritorno a scuola, oggi 19 aprile, dopo le vacanze pasquali, per parlare di disturbi del comportamento alimentare o disturbi dell'alimentazione.
Una mattinata dedicata ad un appuntamento e ad una tematica importante per gli adolescenti, spesso vittime di disagio alimentare a causa di una società che trasmette una immagine distorta della persona puntando sovente solo sull'aspetto fisico e su un'estetica "del bisturi" deformando così valori autentici che fondano il senso dell'esistenza.
Disturbi alimentari causati a volte anche da una influenza negativa da parte della stessa famiglia e che possono portare a tre gravi rischi e pericoli: anoressia, bulimia e alimentazione incontrollata.
Il cibo può diventare dunque una valvola di sfogo, può essere un nemico portando così la persona "a disturbi gravi". A disturbi insomma caratterizzati "da uno scorretto rapporto col cibo e col proprio corpo". Bisogna fare i conti con l'appetito, fame, sazietà che sono meccanismi regolati a livello cerebrale. E bisogna anche prendere coscienza del fatto che l'obesità è una malattia, come pure è necessario conoscere la propria genetica...
Il resto dell'articolo su: https://padlet.com/mariadecarlo/5f94y34sfqj0







Visita d''istruzione a Melfi



pubblicato da
PORRETTI Maria Grazia
(A050 - MATERIE LETTERARIE) 
13/04/2017 11:50:55

LA CULTURA LUCANA FRA STORIA ANTICA E TECNOLOGIA MODERNA

Recentemente, per l’interessamento di alcuni nostri docenti, a noi alunni del triennio A di Meccanica dell’I.I.S. Einstein-De Lorenzo è stata data l’opportunità di visitare, attraverso un percorso didattico programmato da tempo e preparato in classe anche attraverso i mezzi multimediali, la città di Melfi. Costituita da un centro storico di aspetto complessivamente medievale, la località è diventata un importante centro di sviluppo, sede di un gran numero di imprese. Il polo industriale di San Nicola di Melfi, sorto nei primi anni novanta, ospita la fabbrica automobilistica SATA - FCA, il più avanzato stabilimento del gruppo FIAT presente in Italia, la cui caratteristica è fondata su sistemi innovativi di automazione e fasi organizzative del lavoro che ottimizza la produttività.
Dopo l’accoglienza inaspettata con un piccolo buffet che ci hanno offerto in azienda, dimostrandoci ospitalità e riguardo, nonostante il numero elevato dei partecipanti (45 studenti, docenti accompagnatori e dirigente scolastico), lo staff organizzativo ci ha illustrato nella sala convegni, attraverso slides e strumenti esplicativi, i dati essenziali del funzionamento organizzativo e tecnico dell’azienda da cui abbiamo compreso, con grande meraviglia che si producono quotidianamente 1500 vetture.
Lo stabilimento fu costruito fra il 1991 e il 1993 in una zona agricola priva di impianti industriali e la SATA ha iniziato la sua produzione nel 1994 con la Fiat Punto a cui successivamente è stata affiancata la Lancia Y e più tardi il modello successivo ‘la nuova Lancia Ypsilon’. Nel 2015 entrò in commercio la Fiat Grande Punto realizzata in accordo con la General Motors. Ma la SATA si è maggiormente sviluppata nel 2014, quando le vennero commissionate da FIAT CHRYSLER AUTOMOBILES le produzioni della Jeep Renegade, della 500X e della Grande Punto che oggi non è più in produzione. Esporta macchine in oltre 100 paesi del mondo e più del 50% è destinata al mercato NAFTA, acronimo che identifica l’accordo nordamericano per il libero scambio. L’impianto occupa una superficie di circa 2.500.000 metri quadrati e in esso lavorano circa 12.000 operai tra FCA e il gruppo logistico, producendo all’anno un minimo di 400.000 vetture. Abbiamo visitato i reparti di stampaggio, lastratura, verniciatura e assemblaggio partendo dalla lavorazione delle lamiere di acciaio fino alla loro produzione completa. Impressionante è stato vedere la fase di unione tra uomo e robot che permette di eseguire lavorazioni veloci e precise, come quella dell’assemblaggio con saldature delle componenti della carrozzeria, mediante il sincronismo di 18 robots, realizzata in 52 secondi e quella detta del “marriage” che consiste nell’accoppiare tutta la scocca dell’auto con le componenti meccaniche del motore.
Ci ha colpito molto la vastità dell’azienda e della organizzazione espressa in tutti i suoi ambiti che richiede tanto lavoro e che noi esterni non possiamo immaginare e pensiamo che le cose accadano per incanto.
Inoltre, dopo un breve e gustoso ristoro a Rionero, l’occasione di visitare la città di Melfi ci ha permesso di leggere una fonte storica diretta attraverso la successiva visita dei luoghi studiati in classe.
Già la vista del castello federiciano, costruito dalla dinastia dei Normanni e in seguito rimaneggiato e abitato dagli Svevi, dagli Angioini, dagli Aragonesi e dai discendenti della famiglia Doria, con le sue forme imponenti e regolari e con le 340 stanze, delle quali si possono visitare solo alcune poiché in restauro, ha affascinato noi tutti e ha trovato conferma nel successivo reperto che ci è stato mostrato dalla guida, il “sarcofago” di Rapolla, uno dei più grandi d’Italia, rinvenuto verso la metà del 1800 nei pressi di una grande villa situata lungo il percorso verso Rapolla, che dovrebbe contenere le spoglie della figlia di un patrizio romano, una certa Emilia Scaura. Il monumento testimonia l’importanza dell’area anche durante l’età romana imperiale e riproduce nella parte inferiore una struttura decorata da una serie di divinità ed eroi, i cui modelli si rifanno a quelli dell’età classica; il coperchio rappresenta la defunta caratterizzata da una capigliatura databile intorno alla metà del II secolo d.C. Abbiamo anche osservato molti corredi funerari appartenenti a tombe etrusche che ci hanno fatto capire come i nostri avi sapevano già lavorare i metalli in maniera egregia e la cisterna situata nel cortile del castello che serviva come contenitore di approvvigionamento idrico per le esigenze della comunità.
Il seguito della visita ci ha illustrato, percorrendo alcune strade principali, le abitazioni di importanti personaggi come quella di Pier delle Vigne, nei pressi del castello e abitata da privati e quella di Francesco Saverio Nitti, oggi sede della omonima fondazione.
Spostandoci nella cattedrale, abbiamo notato la differenza di stili tra il campanile gotico e il barocco e il tardobarocco che caratterizza l’interno della basilica, nei drappeggi e negli stucchi degli altari laterali. Essa è sempre stata sede vescovile e chiesa giubilare.
Questa visita si è presentata interessante e importante per tanti motivi: ci ha offerto occasioni e privilegi per arricchirci culturalmente perché nei banchi di scuola studiamo la storia nazionale e mondiale ma, la maggior parte di noi, non conosce quella locale che, invece, dovrebbe essere appresa, ricordata e onorata; ci ha fornito l’approfondimento dei contenuti tecnologici che impariamo teoricamente e ci ha dimostrato che la nostra regione, già dall’antichità, ci ha offerto beni finora poco valorizzati e noi giovani speriamo che con il nostro contributo possano essere degnamente conosciuti e considerati.
Infine vogliamo ringraziare tutti i docenti che si sono attivati per la realizzazione di questa importante visita d’istruzione, unica nel suo genere, che ci ha permesso di mostrare interesse e partecipazione a quanto ci veniva spiegato ricevendone, in cambio, anche i complimenti delle guide che ci hanno accompagnati.

Gli alunni del triennio A Meccanica




 

<--indietro  1   2   3   4   5   6   7   8   9   10   11   12   13   14   15   16   17   18   19   20   21   22   23   24   25   26   27   28   29   30   31   32   33   34   35  36  37   38   39   40   41   42   43   44   45   46   47   48   49   50   51   52   53   54   55   56   57   58   59   60   61   62   63   64   65   66   67   68   69   70   71   72   73   74   75   76   77   78   79   80   81   82   83   84   85   86   87   88   89   90   91   92   93   94   95   96   97   98   99   100   101   102   103   104   105   106   107   108   109   110   111   112   113   114   115   116   117   118   119   120   121  avanti--> ]

 
 radioitigeo.it

 
 
 Orientamento in entrata

Iscrizioni A.S. 2021-22
 
 
 Amministrazione Trasparente
Fino al 22/01/2020
Dal 23/01/2020
Piano Triennale Prevenzione Corruzione
Criteri Valorizzazione Docenti
Codice di Comportamento
Codice Disciplinare
Graduatorie d'Istituto
 
 
 ALBO
Albo Pretorio
Albo Istituto
Esami di Stato
Privacy
Sicurezza nella scuola
Avvisi e circolari
Albo Sindacale
Delibere Organi Collegiali
Modulistica
 
 
 COVID 19
Normativa COVID 19
 
 
 PTOF E REGOLAMENTI
Atto di indirizzo 20/21-20/22
PTOF e PdM 2020/21
NAVIGA IL PTOF
Curricolo di Istituto
RAV 2019-2022
CARTA DEI SERVIZI
Regolamento di Ist. con DDI
Nuovo reg. attività negoziali
DPR 62/2013
PTTI PianoTriennaleTrasparenza
Regolamento Albo Pretorio
Regolamento viaggi di istruzio
PTOF 2019 2020
Patto di corresponsabilità
Piano Annuale per l'Inclusione
Reg. OO.CC. in mod. telematica
 
 
 Rendicontazione Sociale
Rendicontazione sociale
Risultati legati all'autovalut
Obiettivi formativi
 
 
 VALORIZZAZIONE MERITO DOCENTI

icona

ASSEGNAZIONE BONUS
 
 
 La buona SCUOLA

Dirette e Social
Il rapporto
I dibattiti
Campagna di ascolto
 
 
 Didattica
INVALSI
Siti di interesse didattico
I libri di testo
 
 
 Biblioteca

 
 
 Varie
Assicurazione
Le News
 
 
 Spazio Studenti
Discussioni, idee... e altro
Spazio rappresentanti
 
 
 ATTIVITÀ DELL'IIS
Anno scolastico 2020/21
Anno scolastico 2019/20
Anno scolastico 2018/19
Anno Scolastico 2017/18
Anni scolastici precedenti
 
 
 Museo della Comunicazione

 
 
 Progetto: ebrei internati in Basilicata

 
 





Privacy         Note Legali         Accessibilità  Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS!

  tel. 0971.444489  fax 0971.444489    C.F.: 96068000767
Codice meccanografico: PZIS022008    Codice Univoco per fatturazione: UFHM9R
email: pzis022008@istruzione.it     email certificata: pzis022008@pec.istruzione.it

Home | Area DS | Area studenti | Area genitori | Area docenti | Area ATA |Amministratore

 © Copyright 2015 InteractiveSchool 

Interactive School è un marchio registrato by Rocco De Stefano