sito web ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE  'Einstein - De Lorenzo'  POTENZA - Via Sicilia, 4  - 85100 Potenza - www.itigeopz.edu.it
  in connessione: 4
  totale visitatori: 5159635

SI RACCOMANDA AL PERSONALE DELLA SCUOLA DI VISIONARE QUOTIDIANAMENTE IL SITO PER GLI AVVISI DI PERTINENZA     -

sabato  
19 giugno 2021  

     

 
 Home
Contatti e Recapiti
La ns. Piattaforma Didattica
Webmail Aruba
 
 
 Info Generali
Il Consiglio d'Istituto
Il Dirigente Scolastico
Il corpo docente
Il personale ATA
Giornale d'istituto
Contatti e recapiti
Elenco Siti Tematici
 
 
 EVENTI

 
 
 Progetto Premio Asimov

 
 
 Progetto SERVICE
''Scuola - Rotary Torre Guevara''
 
 
 PON 2014-2020

LABORATORI PROFESSIONALIZZANTI
SMART CLASS
Sussidi Didattici
Apprendimento e socialità - avviso 9707
Laboratori FESR B1
Laboratori FESR B2
Laboratori FSC B1
Laboratori FSC B2
Pon Inclusione sociale e Lotta al disagio
Percorsi per adulti e giovani adulti
Potenziamento dei percorsi di alternanza scuola-lavoro
Ambienti digitali
Rete LAN-WLAN
 
 
 Progetto didattico Unesco

La rete delle scuole Unesco
 
 
 Area dirigente
 
 
 Area docenti
 
 
 Area ATA
 
 
 Scuolanext

 
 
 Pago online

Istruzione per le famiglie
 
 
 Test Center ECDL
Avvisi
 
 
 Attività Sportive
Avvisi e informazioni
 
 
 SEDE via SICILIA
I docenti
Galleria fotografica
 
 
 SEDE via R.DANZI
I docenti
Galleria fotografica
 
 
 I volti del Novecento

Il progetto
Calendario 2ª annualità
Documenti e articoli
 
 
 Alternanza Scuola-Lavoro
Info e comunicazioni
Lavori prodotti
 
 
 Orientamento in uscita

Informazioni e comunicazioni
 
 
 ERASMUS +
Web 2.0 tools in education
Hands ON Minds ON
E-Commerce For START-UPS
Self Trust in using Technology
Human Eco-Friendly low level energy
 
 

Il giornale d'istituto...



sommario





Imparare a conoscere il Bosco andando… oltre le apparenze”



pubblicato da
CORBO Antonio
(C270 - LABORATORIO DI ELETTROTECNICA) 
05/05/2015 14:32:31

“Alla scoperta del nostro Bosco”

Il mondo della nostra scuola si apre al territorio: osservare il bosco di Macchia Romana, poco distante dalla nostra scuola, osservare la sua natura, era l’obiettivo di stamane per gli alunni del biennio dell’I.I.S. “Einstein De Lorenzo” accompagnati dai proff. Michele Ramunno e Antonio Corbo.
La nostra scuola come comunità educante e sistema aperto ha coinvolto i suoi studenti nel svolgere, oggi, 5 maggio 2015, a fare lezione: non in aula, ma bensì sul campo (Dal generale al particolare, laboratorio sul campo: nel riconoscere le varie specie : la flora (di un territorio o di un paesaggio) costituisce l'elencazione, la descrizione e la classificazione quanto più possibile completa delle specie vegetali presenti sul territorio stesso. Lo studio della flora è un settore della botanica, denominato floristica, ed è preliminare e complementare allo studio della vegetazione, denominato fitosociologia, che descrive i popolamenti vegetali presenti in una determinata località e condizione ambientale ed ecologica, studiati dal punto di vista floristico (elenco delle specie presenti), dal punto di vista quantitativo (frequenza relativa delle varie specie nel popolamento oggetto di studio) nonché sotto il profilo relazionale-ecologico che definisce delle forme consociative strutturali e funzionali.)
La tematica e i contenuti sono stati trattati ottimamente dal prof. Rosati Leonardo dell’Unibas, dalla presidente del Circolo di Legambiente di Avigliano Dott.ssa Mariella Sabia in sinergia con la Prof.ssa Raffaella Palermo volontaria della bottega “Equo Mondo” erano quelli di far apprendere ai nostri studenti a “Imparare a conoscere il Bosco andando… oltre le apparenze” : questa è stata l’essenza di tale progetto didattico, la quotidianità costringe i ragazzi a “vivere frettolosamente” non permettendo loro di soffermarsi a “cogliere i messaggi ” che la Natura ha in serbo per loro.
Imparare a orientarsi nel bosco attraverso le tacche numerate sui tronchi ma anche attraverso esperienze sensoriali (olfattive, visive, tattiche) che stimoleranno da oggi in avanti i nostri ragazzi a sviluppare di più l’acuità e lo spirito di osservazione.
L’obiettivo era quindi :
1) Naturalistico–ambientale,
2) Conoscenza del territorio,
3) Educativo,
4) Sensoriale ed emozionale.
Una vera e propria eccellenza nel settore dei parchi naturalistici, un’occasione di crescita non solo per il rione ma per l’intera comunità cittadina. Il Parco «Elisa Claps» nel popoloso quartiere di Macchia Romana, trova una splendida collocazione naturale nel bosco di Macchia Romana. Un parco attrezzato collocato in un bosco di cerri e roverelle piantato più di un secolo fa, è pronto a condurre il rione Macchia Romana al centro di un progetto di riqualificazione della qualità della vita in un’area urbana che, in un passato recente, ha sofferto non poche problematiche come la selvaggia cementificazione e la mancanza di una rete stradale appropriata. L’area verde dedicata alla sfortunata studentessa potentina comprende una ampiezza di oltre 9 ettari con alberi di querce, piante di cerro e roverella. Il parco può vantare un percorso ciclopedonale di circa un chilometro e mezzo che attraversa la fitta boscaglia, ma anche un sentiero salute con attrezzi ginnici ed un percorso trekking grazie a dei piccoli sentieri che si inerpicano attraverso il bosco. Arricchiscono il parco un’area belvedere, un’area pic-nic con panchine e barbecue ed un’area giochi che farà felici i più piccoli. Proprio l’area pic-nic è uno dei tanti fiori all’occhiello del parco, dal momento che essa è stata collocata all’in - terno del bosco con tavolini, panchine in legno, barbecue e cestini con possibilità per le famiglie del posto, e non solo, di sfruttare tante ore all’aria aperta, dove, i nostri studenti hanno fatto una bella ricreazione meritata consumando il panino portato da casa.







Un momento del seminario del 23. 04 2015



pubblicato da
MONTANO Rocchina
(A013 - CHIMICA E TECNOLOGIE CHIMICHE) 
30/04/2015 09:22:29

SOSTENIBILITA' AMBIENTALE - INQUINAMENTO E RIFIUTI

L'inquinamento dell'aria, della terra e dell'acqua sta ormai coinvolgendo l'intero pianeta, ed è evidente come la non curanza di queste problematiche, da parte di ognuno di noi, stia lentamente modificando e devastando l'intero sistema ecologico della Terra.
In questi ultimi due secoli nei paesi ricchi e sviluppati, il "progresso", ha influito pesantemente sull'ambiente, procurando conseguenze anche drammatiche per la stessa sopravvivenza dell'uomo; si è, infatti, passati ad un mondo costituito più di cemento che di "verde" e soprattutto a stili di vita caratterizzati da esigenze, sia individuali sia comuni, sempre più elevate.
Per migliorare la situazione attuale è essenziale che sia proprio la collettività a mobilitarsi per trovare delle soluzioni valide come il riciclaggio dei rifiuti, che fa sì che una parte dei nostri scarti possa essere riutilizzata.
La nostra è diventata anche una società "dell'usa e getta", si utilizzano sempre di più materiali di carta o di plastica che indubbiamente sono più pratici e igienici ma d'altra parte aumentano il volume dei rifiuti che già produciamo periodicamente.
Un'inopportuna e scorretta "intromissione" nella Gestione Integrata del Ciclo dei Rifiuti comporta, in molti casi, delle alterazioni ambientali che possono compromette l' ecosistema di interi territori. In tale ambito, tra le principali cause d' inquinamento ambientale ci sono:
- operazioni di scarico di acque reflue e fanghi non conformi alle leggi derivanti da attività industriali;
- utilizzo improprio di impianti di trattamento e smaltimento dei rifiuti;
- abbandono indiscriminato di materiali non degradabili e nocivi.
L'ecosistema di mari, fiumi e parchi, in simili condizioni, viene compromesso dai diversi fattori inquinanti prodotti e fatti penetrare nell'ambiente. Negli ultimi anni l'Unione Europea ha sviluppato e promosso una strategia comunitaria al fine di ridurre gli effetti negativi sulla natura del ciclo dei rifiuti, indicando delle specifiche priorità d'intervento ad ampio raggio quali:
- sviluppare "tecnologie pulite" per risparmiare risorse, prevenire emissioni di biogas e riutilizzare gli scarti;
- ideare e mettere in commercio prodotti che diano un contributo minimo alla produzione di rifiuti e all'inquinamento;
- implementare le valutazioni d' impatto ambientale ”VAS” di ogni prodotto durante il suo intero ciclo vitale;
- promuovere accordi e programmi per prevenire e ridurre la quantità e pericolosità dei rifiuti;
- incentivare il riutilizzo, il reimpiego ed il riciclaggio dei rifiuti;
- sostenere il trattamento dei rifiuti volto alla produzione di energia.
Attraverso questo progetto vogliamo porre l’attenzione su un particolare materiale di riciclo, l’alluminio.
Da molti anni, ormai, l’industria italiana del riciclo dell’alluminio detiene una posizione di rilievo nel panorama mondiale per quantità di materiale riciclato.
Il nostro Paese è infatti terzo al Mondo assieme alla Germania dopo Stati Uniti e Giappone.
L’alluminio possiede caratteristiche ottimali per il riciclo: può essere riciclato al 100% e riutilizzato all’infinito per dare vita ogni volta a nuovi prodotti.
Circa il 90% dell’alluminio prodotto nel nostro Paese proviene dal riciclo e non differisce per nulla da quello ottenuto dal minerale originale poiché le caratteristiche fondamentali del metallo rimangono invariate.
Bisogna sapere che gli elettrodomestici: Lavatrici, frigoriferi, televisori e altre apparecchiature elettroniche, che provengono quasi sempre da ambienti domestici e che spesso vengono lasciati ai margini delle strade da cittadini a dir poco incivili e di certo poco informati sulle conseguenze di inquinamento ambientale per i materiali e le tecnologie che vengono impiegate, contengono spesso dei componenti molto inquinanti come metalli, gas, vernici, ecc. Proprio per questo, lo Stato, ha emanato un decreto, chiamato "uno contro uno", che ne garantisce lo smaltimento a carico dei distributori senza costi aggiuntivi. Dalla famiglia dei"RAEE" (Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche), è possibile recuperare: alluminio, ferro, vetro, rame, parti elettroniche che opportunamente trattate, possono dare vita, ad altri oggetti e rientrare quindi nel ciclo economico. Senza dimenticare che nel caso di alcuni RAEE, quali per esempio computer o telefoni cellulari, spesso vengono eliminati prima che sia concluso il loro ciclo di vita, per il solo fatto che sono tecnologicamente superati.
I rifiuti oggi vanno certamente ritenuti una risorsa. Perchè tuttavia essi possono davvero rivestire questo ruolo decisivo per la società, è necessario inanzitutto buon senso e competenza di chi traduce in legge i provvedimenti. A tal proposito il Consiglio Nazionale dei Chimici ha scritto alla Commisione Europea, proprio per ricorrere contro una malintesa concezione di rifiuto pericoloso , in particolare del principio di precauzione , in base al quale , quando i componenti di un rifiuto sono determinati in modo aspecifico e perciò non sono noti i composti specifici che lo costituiscono, per individuare le caratteristiche di pericolo del rifiuto, devono essere presi come riferimento i composti peggiori. Una impostazione che porterebbe a conseguenze ridicole: un rifiuto, ad esempio, che contiene del sale da cucina potrebbe essere classificato pericoloso a causa del cloro, che allo stato gassoso è tossico ( ma certamente non come ione nel cloruro sodico!).
Siamo ben favorevoli a modalita innovative di gestione dei rifiuti purchè sostenibili, dal punto di vista ambientale, economico e nella modalità di realizzazione. Quando questo non accade a rimetterci sono proprio lavoratori e cittadini perchè i primi a pagare le conseguenze di attività, anche imprenditoriali, fragili e d'incerta solidità scentifica.
Lontano dai modelli nordeuropei, ma alla ricerca della sua strada verso una sempre maggiore sostenibilità, l'Italia dei rifiuti si affida ancora troppo alla discarica. Eppure, la raccolta differenziata, sebbene al di sotto dei parametri dettati, è in aumento. Secondo una ricerca, nel 2013 la produzione nazionale di rifiuti urbani è stata di circa 29,6 milioni di tonnelate, quasi 400mila tonnelate in meno rispetto al 2012. Una diminuizione è dovuta, anche, purtroppo a fattori economici, ma sopratutto alla diffusione di sistemi di raccolta differenziata, alla diminuizione delle quote relative ai rifiuti assimilati e alle azioni di riduzione alla fonte. Infatti, il tasso di raccolta differenziata è inversamente proporzionale alla produzione di rifiuti urbani. Su questo fronte la legge 296/2006 stabiliva gli obbiettivi da raggiungere, come ad esempio il 35% di RD al 31 dicembre 2006 e il 65% al 31 dicembre 2012. Insomma, una crescita graduale, ma dalla teoria alla pratica qualcosa non ha funzionato. Nel 2013, infatti, il tasso si è fermato al 42,3% che, sebbene in crescita di 2 punti sul 2012, non permette al nostro paese di raggiungere ancora neanche l'obbiettivo del 2008, ovvero 45%. Ai vertici della classifica dei territori più sostenibili, con quasi il 65% di raccolta differenziata sono: Veneto e Trentino Alto Adige.
Agli ultimi posti troviamo: Calabria e Sicilia con meno del 15%. Ma a fugare ogni clichè sul Sud Italia, ci pensa la Campania che è passata dal 29% al 44% dal 2009 al 2013, si assesta insieme la Valle d'Aosta al centro della graduatoria, più in alto di Liguria e Toscana. A dimostrazione che essere virtuosi non è un fatto geografico.
Noi studenti, infine, ringraziamo e ci impegnamo nel sostegno degli ideali di tale progetto, esteso sia ai ragazzi che agli adulti, ritenendolo indispensabile per il miglioramento della personale etica civile, al fine di salvaguardare il nostro patrimonio ecologico, oggi purtroppo sempre più martoriato, per noi stessi e per chi verrà dopo di noi!
Claps, Lanzi, Lavinia, Manzi , Nigro, Rosa e Santangelo
Classe IV sez. E
Indirizzo Chimica, Materiali e Biotecnologie




 

<--indietro  1   2   3   4   5   6   7   8   9   10   11   12   13   14   15   16   17   18   19   20   21   22   23   24   25   26   27   28   29   30   31   32   33   34   35   36   37   38   39   40   41   42   43   44   45   46   47   48   49   50   51   52   53   54   55   56   57   58   59   60   61   62   63   64   65   66   67   68   69   70   71   72   73   74   75   76   77   78   79   80   81   82   83  84  85   86   87   88   89   90   91   92   93   94   95   96   97   98   99   100   101   102   103   104   105   106   107   108   109   110   111   112   113   114   115   116   117   118   119   120   121  avanti--> ]

 
 radioitigeo.it

 
 
 Orientamento in entrata

Iscrizioni A.S. 2021-22
 
 
 Amministrazione Trasparente
Fino al 22/01/2020
Dal 23/01/2020
Piano Triennale Prevenzione Corruzione
Criteri Valorizzazione Docenti
Codice di Comportamento
Codice Disciplinare
Graduatorie d'Istituto
 
 
 ALBO
Albo Pretorio
Albo Istituto
Esami di Stato
Privacy
Sicurezza nella scuola
Avvisi e circolari
Albo Sindacale
Delibere Organi Collegiali
Modulistica
 
 
 COVID 19
Normativa COVID 19
 
 
 PTOF E REGOLAMENTI
Atto di indirizzo 20/21-20/22
PTOF e PdM 2020/21
NAVIGA IL PTOF
Curricolo di Istituto
RAV 2019-2022
CARTA DEI SERVIZI
Regolamento di Ist. con DDI
Nuovo reg. attività negoziali
DPR 62/2013
PTTI PianoTriennaleTrasparenza
Regolamento Albo Pretorio
Regolamento viaggi di istruzio
PTOF 2019 2020
Patto di corresponsabilità
Piano Annuale per l'Inclusione
Reg. OO.CC. in mod. telematica
 
 
 Rendicontazione Sociale
Rendicontazione sociale
Risultati legati all'autovalut
Obiettivi formativi
 
 
 VALORIZZAZIONE MERITO DOCENTI

icona

ASSEGNAZIONE BONUS
 
 
 La buona SCUOLA

Dirette e Social
Il rapporto
I dibattiti
Campagna di ascolto
 
 
 Didattica
INVALSI
Siti di interesse didattico
I libri di testo
 
 
 Biblioteca

 
 
 Varie
Assicurazione
Le News
 
 
 Spazio Studenti
Discussioni, idee... e altro
Spazio rappresentanti
 
 
 ATTIVITÀ DELL'IIS
Anno scolastico 2020/21
Anno scolastico 2019/20
Anno scolastico 2018/19
Anno Scolastico 2017/18
Anni scolastici precedenti
 
 
 Museo della Comunicazione

 
 
 Progetto: ebrei internati in Basilicata

 
 





Privacy         Note Legali         Accessibilità  Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS!

  tel. 0971.444489  fax 0971.444489    C.F.: 96068000767
Codice meccanografico: PZIS022008    Codice Univoco per fatturazione: UFHM9R
email: pzis022008@istruzione.it     email certificata: pzis022008@pec.istruzione.it

Home | Area DS | Area studenti | Area genitori | Area docenti | Area ATA |Amministratore

 © Copyright 2015 InteractiveSchool 

Interactive School è un marchio registrato by Rocco De Stefano