sito web ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE  'Einstein - De Lorenzo'  POTENZA - Via Sicilia, 4  - 85100 Potenza - www.itigeopz.edu.it
  in connessione: 2
  totale visitatori: 5159615

SI RACCOMANDA AL PERSONALE DELLA SCUOLA DI VISIONARE QUOTIDIANAMENTE IL SITO PER GLI AVVISI DI PERTINENZA     -

sabato  
19 giugno 2021  

     

 
 Home
Contatti e Recapiti
La ns. Piattaforma Didattica
Webmail Aruba
 
 
 Info Generali
Il Consiglio d'Istituto
Il Dirigente Scolastico
Il corpo docente
Il personale ATA
Giornale d'istituto
Contatti e recapiti
Elenco Siti Tematici
 
 
 EVENTI

 
 
 Progetto Premio Asimov

 
 
 Progetto SERVICE
''Scuola - Rotary Torre Guevara''
 
 
 PON 2014-2020

LABORATORI PROFESSIONALIZZANTI
SMART CLASS
Sussidi Didattici
Apprendimento e socialità - avviso 9707
Laboratori FESR B1
Laboratori FESR B2
Laboratori FSC B1
Laboratori FSC B2
Pon Inclusione sociale e Lotta al disagio
Percorsi per adulti e giovani adulti
Potenziamento dei percorsi di alternanza scuola-lavoro
Ambienti digitali
Rete LAN-WLAN
 
 
 Progetto didattico Unesco

La rete delle scuole Unesco
 
 
 Area dirigente
 
 
 Area docenti
 
 
 Area ATA
 
 
 Scuolanext

 
 
 Pago online

Istruzione per le famiglie
 
 
 Test Center ECDL
Avvisi
 
 
 Attività Sportive
Avvisi e informazioni
 
 
 SEDE via SICILIA
I docenti
Galleria fotografica
 
 
 SEDE via R.DANZI
I docenti
Galleria fotografica
 
 
 I volti del Novecento

Il progetto
Calendario 2ª annualità
Documenti e articoli
 
 
 Alternanza Scuola-Lavoro
Info e comunicazioni
Lavori prodotti
 
 
 Orientamento in uscita

Informazioni e comunicazioni
 
 
 ERASMUS +
Web 2.0 tools in education
Hands ON Minds ON
E-Commerce For START-UPS
Self Trust in using Technology
Human Eco-Friendly low level energy
 
 

Il giornale d'istituto...



sommario





Locandina della mostra



pubblicato da
COVIELLO Sergio
(REL - RELIGIONE) 
07/01/2019 16:55:35

Vittime e carnefici. Una mostra per la memoria. Dal 12 gennaio al 2 febbraio 2019.

Diciamolo subito, non per cercare inutili quanto inopportuni arrampicamenti, quanto per ribadire un profondo concetto, un grande valore, un inderogabile impegno, un forte dovere: la Giornata della memoria della Shoah non è né può ridursi ad un festival della retorica, né ad un modo per tacitare coscienze irrequiete o bisognose di riscatto, né ad inseguimento di temi alla moda giusto per darsi un tono e accreditarsi come persone degne e di buoni sentimenti in un mondo cattivo e poco propenso alla solidarietà e all' umanità.
Per questo, per noi dell'IIS Einstein-De Lorenzo di Potenza, la mostra "Vittime e carnefici", a cura del prof. Vincenzo Bochicchio, che sarà visitabile dal 12 gennaio al 2 febbraio 2019 nei locali della sede di Malvaccaro,  rappresenta da anni un punto fermo e imprescindibile per ripercorrere, attraverso immagini e testi d'epoca, uno spaccato dell'incommensurabile tragedia che si è abbattuta il secolo scorso nel cuore dell'Europa e anche a casa nostra e che va sotto il nome di Shoah.
Quest'anno la foto riportata nella locandina richiama fin troppo esplicitamente il massacro di decine di migliaia di ebrei perpetrato dagli Einsatzgruppe tedeschi a Babi Jar, nel settembre del 1941, mentre il titolo della mostra, come già detto, rimane lo stesso degli ultimi anni.
Riparlare di carnefici e vittime è sempre più penoso e c'è il rischio di essere ripetitivi! Ma come ricorda il prof. Bochicchio, qualcuno dovrà pur ricordare ai più giovani che alcuni decenni fa europei evoluti hanno costretto altri uomini, "diversi" per lingua, cultura o religione, a... "lavorare nel fango, a non conoscere pace, a lottare per mezzo pane, a morire per un sì o per un no".
E come comunità scolastica, come potremmo formare e accompagnare nella crescita umana e professionale intere generazioni, senza educarle ad aprire veramente gli occhi su quanto veramente accaduto e in nome di princìpi, ideali, concezioni antropologiche e analisi politiche impregnati di odio, disprezzo della dignità umana, egocentrismi nazionalisti, celebrazioni ed esaltazioni di uomini della provvidenza, scientifica manipolazione delle masse fino a pretendere di trasformare in bene il male assoluto, come la deportazione ed eliminazione di milioni di ebrei, ma anche oppositori politici, zingari, disabili, minoranze religiose e esponenti di varie istituzioni e fedi che a vario titolo e per vari motivi furono considerati pericolosi nemici da cancellare?Sì, da cancellare, giacché doveva sparire ogni traccia, ogni ricordo, ogni nome, ogni volto ed ogni storia di chi non fosse omologato al sistema dominante.
È fin troppo evidente il richiamo ad altre pagine simili della nostra storia anche recente e recentissima, se non addirittura in corso ed è fin troppo chiaro il dovere di richiamarle, nelle molteplici traduzioni odierne e nelle riproposizioni di occhi che non vedono e orecchie che non odono, di cuori induriti e giustificazioni pilatesche, nell'aberrante confusione fra diritti e desideri nei confronti delle tante manipolazioni della vita dalla fase embrionale fino a quella dei più poveri e sfruttati, dei più malati e abbandonati, in quel tripudio della cultura dello scarto, di cui a più riprese parla papa Francesco.
Ma, allo stesso tempo,  non è possibile, in nome di questi ed altri innumerevoli crimini, guerre, genocidi, egoismi e cecità anche contemporanei, ignorare l'atroce unicità della Shoah. Milioni di uomini, donne, bambini....azzerati nella loro dignità, privati dei loro beni ed affetti, ridotti a cavie e cose nelle mani dei loro carnefici, condannati a sparire dalle loro case, dalle loro nazioni, dal loro mondo non per guerre, pestilenze, carestie, persecuzioni e vendette politiche, ma per volontà di un disegno concepito da un uomo e da un ristretto gruppo di potere che si è arrogato il diritto di farsi padrone della vita e della morte, del bene e del male, in nome dell'ideologia nazista. Un uomo e un gruppo di potere che decise, anche con forte consenso popolare e gravi connivenze di chi doveva e poteva reagire con maggior vigore, di sostituirsi a Dio stesso e di individuare in un popolo diffuso in tutto il mondo ma senza patria, gli Ebrei, un popolo che grazie alla profonda laboriosità, all'acuta intelligenza, alla provata capacità di adattamento, era ovunque riuscito ad inserirsi al meglio nelle diverse realtà fino a saper costruire anche solide basi economiche ed imprenditoriali,  il principale nemico per l'affermazione e la supremazia  della razza ariana. E con loro, chiunque avesse discusso e contestato questo criminale disegno.
Visitiamo la mostra e attraverso quelle immagini, quei volti, quelle storie che si rivolgono anche a noi oggi, lasciamoci interrogare, mettere in crisi, scuotere dal torpore, dalla pericolo del non voler sapere o dalla tentazione di saperne abbastanza per non lasciarci più coinvolgere e prendere posizione, anche nell' oggi.









pubblicato da
PORRETTI Maria Grazia
(A012 - Discipline letterarie negli istituti di istr 
05/01/2019 10:03:42

DIRITTI UMANI: 70 ANNI DI EVOLUZIONE

Quando si parla di diritti umani, molti non conoscono il significato preciso di ciò che si vuol dire, anche perché spesso c’è confusione in proposito.
I settanta anni dalla proclamazione, sono una data importante che rappresenta non un fatto di consuetudine ma di reale valore, in quanto i diritti umani, nella loro varietà, vengono spesso trasgrediti a diversi livelli.
Abbiamo partecipato, su suggerimento della nostra prof.ssa di Italiano e Storia, ad un convegno organizzato dall’I.P.S.S.E.O.A e dal Rotary di Potenza il 10/12/2018 tenutosi al Museo Provinciale dove il dirigente scolastico, alcuni docenti e diversi avvocati hanno parlato e commentato questo evento.
La Dichiarazione Universale dei diritti umani, dalla sua nascita, è un documento adottato dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite nella sua terza sessione il 10 dicembre 1948 a Parigi e votato da 48 Stati su 58, 8 si astennero e 2 non parteciparono.
Essa proclama i veri valori insieme alla dignità dell’uomo e nella storia ha avuto diverse tappe per essere realizzata. Già a seguito della Rivoluzione Francese divenne garante di libertà rispetto alla precedente oppressione.
Questo documento afferma, dunque, pari diritti per ogni cittadino, eliminando discriminazioni di sesso, religione, nazione etc... proprio come enuncia l'articolo 2 che dice: "Ad ogni individuo spettano tutti i diritti e tutte le libertà enunciate nella presente Dichiarazione, senza distinzione alcuna, per ragioni di razza, di colore, di sesso, di lingua, di religione, di opinione politica o di altro genere, di origine nazionale o sociale, di ricchezza, di nascita o di altra condizione. Nessuna distinzione sarà inoltre stabilita sulla base dello statuto politico, giuridico o internazionale del paese o del territorio cui una persona appartiene, sia che tale territorio sia indipendente, o sottoposto ad amministrazione fiduciaria o non autonomo, o soggetto a qualsiasi altra limitazione di sovranità".
Inoltre già dal primo articolo possiamo comprendere che un valore importante è riservato ai rapporti sociali, esso rappresenta un vero inno alla fratellanza.
Tra gli articoli particolarmente importanti vi è il 4 che abolisce la schiavitù, così come il 26, in cui viene attribuito ad ognuno il diritto all'istruzione, e dunque alla crescita personale.
Ancora secondo il 23 ognuno ha diritto al lavoro, ad una retribuzione sufficiente e giusta per il proprio mantenimento, per non parlare del 18 e del 19 che recitano:
Articolo 18 -
"Ogni individuo ha diritto alla libertà di pensiero, di coscienza e di religione; tale diritto include la libertà di cambiare di religione o di credo, e la libertà di manifestare, isolatamente o in comune, e sia in pubblico che in privato, la propria religione o il proprio credo nell'insegnamento, nelle pratiche, nel culto e nell'osservanza dei riti".
Articolo 19 -
"Ogni individuo ha diritto alla libertà di opinione e di espressione incluso il diritto di non essere molestato per la propria opinione e quello di cercare, ricevere e diffondere informazioni e idee attraverso ogni mezzo e senza riguardo a frontiere".
Il diritto messo in risalto in questi enunciati è la libertà di pensiero e di espressione, una capacità di cui solo gli esseri umani sono in possesso, e che per molto tempo sono mancati nella storia dei popoli.
Tra rivoluzioni, guerre e posizioni rigide, gli uomini sono cresciuti in spazi che limitavano la loro mente, la loro anima e le loro azioni. Grazie a questo documento ognuno ha diritto ad essere se stesso e di essere accettato dagli altri.
Ed è proprio in questo che risiede la grandezza di questa dichiarazione: nei valori mancanti o perduti e, grazie ad essa, riconquistati.
Ci sono piaciuti gli interventi del prof. Berardi che ha indicato la linea storica della conquista dei diritti umani che non è stata sempre facile e ha, inoltre, approfondito e spiegato il progetto che da anni porta avanti con le sue classi sulla “legalità” e quello del prof. Acocella di Napoli che, attraverso le sue parole coinvolgenti, ci ha informati meglio sul tema del convegno, facendo riferimenti concreti ai casi di trasgressione dei diritti o di applicazione degli stessi nella nostra attuale società.
Per noi è stata una bella occasione di crescita culturale che ci ha aiutato a capire in una forma diversa un argomento di non facile comprensione ma di necessaria utilità per garantire la pacifica convivenza tra noi umani.

Gli alunni della 5 A Meccatronica
PACE GIUSEPPE - GALLIANI SALVATORE - FILIPPI FABIO - PROSPERO PADULA




 

<--indietro  1   2   3   4   5   6   7   8   9   10   11   12   13  14  15   16   17   18   19   20   21   22   23   24   25   26   27   28   29   30   31   32   33   34   35   36   37   38   39   40   41   42   43   44   45   46   47   48   49   50   51   52   53   54   55   56   57   58   59   60   61   62   63   64   65   66   67   68   69   70   71   72   73   74   75   76   77   78   79   80   81   82   83   84   85   86   87   88   89   90   91   92   93   94   95   96   97   98   99   100   101   102   103   104   105   106   107   108   109   110   111   112   113   114   115   116   117   118   119   120   121  avanti--> ]

 
 radioitigeo.it

 
 
 Orientamento in entrata

Iscrizioni A.S. 2021-22
 
 
 Amministrazione Trasparente
Fino al 22/01/2020
Dal 23/01/2020
Piano Triennale Prevenzione Corruzione
Criteri Valorizzazione Docenti
Codice di Comportamento
Codice Disciplinare
Graduatorie d'Istituto
 
 
 ALBO
Albo Pretorio
Albo Istituto
Esami di Stato
Privacy
Sicurezza nella scuola
Avvisi e circolari
Albo Sindacale
Delibere Organi Collegiali
Modulistica
 
 
 COVID 19
Normativa COVID 19
 
 
 PTOF E REGOLAMENTI
Atto di indirizzo 20/21-20/22
PTOF e PdM 2020/21
NAVIGA IL PTOF
Curricolo di Istituto
RAV 2019-2022
CARTA DEI SERVIZI
Regolamento di Ist. con DDI
Nuovo reg. attività negoziali
DPR 62/2013
PTTI PianoTriennaleTrasparenza
Regolamento Albo Pretorio
Regolamento viaggi di istruzio
PTOF 2019 2020
Patto di corresponsabilità
Piano Annuale per l'Inclusione
Reg. OO.CC. in mod. telematica
 
 
 Rendicontazione Sociale
Rendicontazione sociale
Risultati legati all'autovalut
Obiettivi formativi
 
 
 VALORIZZAZIONE MERITO DOCENTI

icona

ASSEGNAZIONE BONUS
 
 
 La buona SCUOLA

Dirette e Social
Il rapporto
I dibattiti
Campagna di ascolto
 
 
 Didattica
INVALSI
Siti di interesse didattico
I libri di testo
 
 
 Biblioteca

 
 
 Varie
Assicurazione
Le News
 
 
 Spazio Studenti
Discussioni, idee... e altro
Spazio rappresentanti
 
 
 ATTIVITÀ DELL'IIS
Anno scolastico 2020/21
Anno scolastico 2019/20
Anno scolastico 2018/19
Anno Scolastico 2017/18
Anni scolastici precedenti
 
 
 Museo della Comunicazione

 
 
 Progetto: ebrei internati in Basilicata

 
 





Privacy         Note Legali         Accessibilità  Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS!

  tel. 0971.444489  fax 0971.444489    C.F.: 96068000767
Codice meccanografico: PZIS022008    Codice Univoco per fatturazione: UFHM9R
email: pzis022008@istruzione.it     email certificata: pzis022008@pec.istruzione.it

Home | Area DS | Area studenti | Area genitori | Area docenti | Area ATA |Amministratore

 © Copyright 2015 InteractiveSchool 

Interactive School è un marchio registrato by Rocco De Stefano