sito web ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE  'Einstein - De Lorenzo'  POTENZA - Via Sicilia, 4  - 85100 Potenza - www.itigeopz.edu.it
  in connessione: 2
  totale visitatori: 5159615

SI RACCOMANDA AL PERSONALE DELLA SCUOLA DI VISIONARE QUOTIDIANAMENTE IL SITO PER GLI AVVISI DI PERTINENZA     -

sabato  
19 giugno 2021  

     

 
 Home
Contatti e Recapiti
La ns. Piattaforma Didattica
Webmail Aruba
 
 
 Info Generali
Il Consiglio d'Istituto
Il Dirigente Scolastico
Il corpo docente
Il personale ATA
Giornale d'istituto
Contatti e recapiti
Elenco Siti Tematici
 
 
 EVENTI

 
 
 Progetto Premio Asimov

 
 
 Progetto SERVICE
''Scuola - Rotary Torre Guevara''
 
 
 PON 2014-2020

LABORATORI PROFESSIONALIZZANTI
SMART CLASS
Sussidi Didattici
Apprendimento e socialità - avviso 9707
Laboratori FESR B1
Laboratori FESR B2
Laboratori FSC B1
Laboratori FSC B2
Pon Inclusione sociale e Lotta al disagio
Percorsi per adulti e giovani adulti
Potenziamento dei percorsi di alternanza scuola-lavoro
Ambienti digitali
Rete LAN-WLAN
 
 
 Progetto didattico Unesco

La rete delle scuole Unesco
 
 
 Area dirigente
 
 
 Area docenti
 
 
 Area ATA
 
 
 Scuolanext

 
 
 Pago online

Istruzione per le famiglie
 
 
 Test Center ECDL
Avvisi
 
 
 Attività Sportive
Avvisi e informazioni
 
 
 SEDE via SICILIA
I docenti
Galleria fotografica
 
 
 SEDE via R.DANZI
I docenti
Galleria fotografica
 
 
 I volti del Novecento

Il progetto
Calendario 2ª annualità
Documenti e articoli
 
 
 Alternanza Scuola-Lavoro
Info e comunicazioni
Lavori prodotti
 
 
 Orientamento in uscita

Informazioni e comunicazioni
 
 
 ERASMUS +
Web 2.0 tools in education
Hands ON Minds ON
E-Commerce For START-UPS
Self Trust in using Technology
Human Eco-Friendly low level energy
 
 

Il giornale d'istituto...



sommario





La locandina della mostra



pubblicato da
BOCHICCHIO Vincenzo
(A050 - MATERIE LETTERARIE) 
30/01/2015 17:17:12

Non manchiamo!

GRUPPO CREATIVO ROSSELLINO

MARTEDÌ 27 GENNAIO 2015
MOSTRA FOTOGRAFICA PER TENERE VIVA LA MEMORIA, PER NON DIMENTICARE. NON MANCHIAMO!

In questa giornata così importante per l'intera umanità, vogliamo segnalare a voi tutti una bella iniziativa, che una scuola della nostra città da anni promuove e che merita davvero di essere accolta e presa a cuore.
Da oggi, martedì 27 Gennaio e fino a sabato 7 Febbraio, l'I.I.S. EINSTEIN-DE LORENZO, ospiterà nel plesso di via don Minozzi 39, la mostra fotografica "VITTIME E CARNEFICI. IMMAGINI PER NON DIMENTICARE".
Si tratta di un'iniziativa importante e significativa, per tenere viva la memoria e per cogliere il positivo che viene dalle nostre istituzioni scolastiche. Oggi, purtroppo, in molte scuole non si è parlato della Giornata della Memoria, e questo ci sembra davvero molto grave.
L'I.I.S. (ex ITIS), però, da anni ha a cuore il tema della memoria, e desidera condividerlo con tutti noi e con tutti voi.
La mostra potrà essere visitata tutti i giorni feriali dalle 10,30 alle 13 (il mercoledì anche dalle 16,30 alle 17,30) e nei giorni dell'OPEN DAY (sabato 31 Gennaio dalle 16 alle 19 e domenica 1 Febbraio dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 19).
Prendiamo nota di tutti gli orari e troviamo il tempo per visitare la mostra fotografica dedicata al ricordo e alla memoria.
Per qualsiasi altra informazione potrete rivolgervi a noi, saremo a completa disposizione.
Portiamo i nostri ragazzi a visitare la mostra e cogliamo l'occasione per farci illustrare qualche passo della mostra dal professor Bochicchio, che ne è curatore e che, ne siamo certi, sarà felice di scambiare qualche riflessione con i visitatori.
Non manchiamo a questa bella iniziativa.
Per non dimenticare.
Presso l'IIS, in via don Minozzi, 39 (al Principe di Piemonte).
Grazie.









pubblicato da
COVIELLO Sergio
(REL - RELIGIONE) 
30/01/2015 10:34:43

Una riflessione sulla mostra "Vittime e carnefici. Immagini per non dimenticare".

Anche quest’anno, grazie alla sensibilità e disponibilità del prof. Vincenzo Bochicchio, è stata allestita dal 27 gennaio nel nostro Istituto, presso la sede di via don Minozzi, la mostra “Vittime e carnefici – Immagini per non dimenticare”, in coincidenza con la Giornata della Memoria della Shoah. Sarà possibile visitarla fino al 7 febbraio p.v. ed è aperta a tutti.
"Se comprendere è impossibile, conoscere è necessario". Credo che in queste poche parole di Primo Levi, tratte da "Se questo è un uomo", si riassuma il significato più vero del Giorno della Memoria.
I pannelli consentono al visitatore di soffermarsi sui vari momenti che hanno caratterizzato l’ascesa al potere di Hitler con la propaganda e le manifestazioni di forza , le prime conseguenze del suo progetto politico con emarginazioni razziali, discriminazioni, assalti, umiliazioni pubbliche, fino al terribile epilogo dei ghetti e dei campi di sterminio. Le ultime immagini mostrano scene di superstiti appena liberati dai campi di sterminio che, pur avendo i profondi e terribili segni di quanto patito, lasciano intravvedere un barlume di speranza e di rinascita. Quegli sguardi, soprattutto l’ultimo che chiude la mostra, osservano, scrutano, inchiodano, il visitatore e sembrano chiedergli: “E tu, di fronte a tutto questo, cosa provi? Sei consapevole di essere chiamato anche tu a prendere posizione, a conoscere quanto successo, a raccontarlo e a gridare con tutta la forza possibile il tuo mai più?”
Ma purtroppo pare che la storia, anche in questo caso, continui a non essere davvero maestra, se è vero come è vero che ancora oggi continuiamo a fare i conti con orribili crimini spesso a sfondo etnico, genocidi, persecuzioni, deportazioni, emarginazioni e discriminazioni per motivi religiosi, razziali, politici, economici.
Scriveva san Giovanni Paolo II nel suo libro Memoria e Identità che “la reale dimensione del male che imperversava in Europa non fu percepita da tutti, neppure da quelli tra noi che stavano al centro stesso di quel vortice. Vivevamo sprofondati in una grande eruzione di male e soltanto gradualmente cominciammo a renderci conto della sua reale entità”. Si percepisce ancora oggi questo disorientamento e questa scarsa attenzione al valore della vita umana di fronte a continui attacchi ed offese alla sua dignità, spesso ignorati o sottovalutati o addirittura giustificati e presentati come un diritto o come espressione della libertà individuale o addirittura, come nel caso del fondamentalismo islamico, ritenuti come coerente traduzione della volontà di Dio. Quale abominio! Com’è possibile celebrare la memoria della Shoah e accettare che tredici bambini vengano uccisi a Mosul soltanto perché vedevano per tv una partita di calcio? O sapere che la vita umana è ridotta a merce acquistabile attraverso gli uteri surrogati? O assistere spesso indifferenti o rassegnati a migliaia di persone sgozzate, crocifisse, massacrate, all’esodo di milioni di persone dall’Iraq e dalla Siria o alle stragi continue in Nigeria o in Ucraina? O il genocidio dei curdi ad opera dell’ex regime iracheno o le guerre etniche nell’ex Jugoslavia negli anni ’90? O la tragedia delle Foibe soltanto da pochi anni riammessa nel politicamente corretto? O lo sterminio in Ruanda tra Hutu e Tutsi? O l’irrisolta condizione di sofferenza del popolo palestinese pur nella legittima considerazione dell’esigenza di sicurezza e di riconoscimento di Israele e nella netta condanna del terrorismo? Com’è possibile celebrare e onorare i milioni di vittime della Shoah se ancora oggi l’antisemitismo e ideologie razziste suscitano interesse, proseliti, violenze e attentati? Se ancora oggi migliaia di profughi disperati muoiono in mare per sfuggire a guerre, miseria e persecuzioni? Se per qualche migliaio di euro da intascare dalle assicurazioni, madri senza scrupolo accettano di abortire fingendo falsi incidenti? Se, come dice papa Francesco, siamo vittime di una cultura dello scarto che elimina tutto ciò che non appare utile o sano? Quanto vale la vita umana? Sempre san Giovanni Paolo II scriveva nel suo ultimo libro, “Se l’uomo può decidere da solo, senza Dio, ciò che è buono e ciò che è cattivo,, egli può anche disporre che un gruppo di uomini debba essere annientato. Decisioni di questo genere furono prese dal Terzo Reich da persone che, avendo raggiunto il potere per vie democratiche, se ne servirono per portare in atto i perversi programmi dell’ideologia nazionalsocialista, che si ispirava a presupposti razzisti…. Perché accade tutto questo? … La risposta è semplice: questo avviene perché è stato respinto Dio quale Creatore, e perciò quale fonte della determinazione di ciò che è bene e di ciò che è male”. So bene che questa chiave di lettura può non essere da tutti condivisa, ma credo fermamente nella necessità di un forte impegno educativo, a partire dalle famiglie e dalla Scuola, finalizzato a porre in primo piano la centralità e la dignità della persona umana, elemento imprescindibile per poter dire tutti insieme, davvero “MAI PIU’”.
Sergio Coviello




 

<--indietro  1   2   3   4   5   6   7   8   9   10   11   12   13   14   15   16   17   18   19   20   21   22   23   24   25   26   27   28   29   30   31   32   33   34   35   36   37   38   39   40   41   42   43   44   45   46   47   48   49   50   51   52   53   54   55   56   57   58   59   60   61   62   63   64   65   66   67   68   69   70   71   72   73   74   75   76   77   78   79   80   81   82   83   84   85   86   87   88   89   90  91  92   93   94   95   96   97   98   99   100   101   102   103   104   105   106   107   108   109   110   111   112   113   114   115   116   117   118   119   120   121  avanti--> ]

 
 radioitigeo.it

 
 
 Orientamento in entrata

Iscrizioni A.S. 2021-22
 
 
 Amministrazione Trasparente
Fino al 22/01/2020
Dal 23/01/2020
Piano Triennale Prevenzione Corruzione
Criteri Valorizzazione Docenti
Codice di Comportamento
Codice Disciplinare
Graduatorie d'Istituto
 
 
 ALBO
Albo Pretorio
Albo Istituto
Esami di Stato
Privacy
Sicurezza nella scuola
Avvisi e circolari
Albo Sindacale
Delibere Organi Collegiali
Modulistica
 
 
 COVID 19
Normativa COVID 19
 
 
 PTOF E REGOLAMENTI
Atto di indirizzo 20/21-20/22
PTOF e PdM 2020/21
NAVIGA IL PTOF
Curricolo di Istituto
RAV 2019-2022
CARTA DEI SERVIZI
Regolamento di Ist. con DDI
Nuovo reg. attività negoziali
DPR 62/2013
PTTI PianoTriennaleTrasparenza
Regolamento Albo Pretorio
Regolamento viaggi di istruzio
PTOF 2019 2020
Patto di corresponsabilità
Piano Annuale per l'Inclusione
Reg. OO.CC. in mod. telematica
 
 
 Rendicontazione Sociale
Rendicontazione sociale
Risultati legati all'autovalut
Obiettivi formativi
 
 
 VALORIZZAZIONE MERITO DOCENTI

icona

ASSEGNAZIONE BONUS
 
 
 La buona SCUOLA

Dirette e Social
Il rapporto
I dibattiti
Campagna di ascolto
 
 
 Didattica
INVALSI
Siti di interesse didattico
I libri di testo
 
 
 Biblioteca

 
 
 Varie
Assicurazione
Le News
 
 
 Spazio Studenti
Discussioni, idee... e altro
Spazio rappresentanti
 
 
 ATTIVITÀ DELL'IIS
Anno scolastico 2020/21
Anno scolastico 2019/20
Anno scolastico 2018/19
Anno Scolastico 2017/18
Anni scolastici precedenti
 
 
 Museo della Comunicazione

 
 
 Progetto: ebrei internati in Basilicata

 
 





Privacy         Note Legali         Accessibilità  Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS!

  tel. 0971.444489  fax 0971.444489    C.F.: 96068000767
Codice meccanografico: PZIS022008    Codice Univoco per fatturazione: UFHM9R
email: pzis022008@istruzione.it     email certificata: pzis022008@pec.istruzione.it

Home | Area DS | Area studenti | Area genitori | Area docenti | Area ATA |Amministratore

 © Copyright 2015 InteractiveSchool 

Interactive School è un marchio registrato by Rocco De Stefano