sito web ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE  'Einstein - De Lorenzo'  POTENZA - Via Sicilia, 4  - 85100 Potenza - www.itigeopz.edu.it
  in connessione: 2
  totale visitatori: 5159649

SI RACCOMANDA AL PERSONALE DELLA SCUOLA DI VISIONARE QUOTIDIANAMENTE IL SITO PER GLI AVVISI DI PERTINENZA     -

sabato  
19 giugno 2021  

     

 
 Home
Contatti e Recapiti
La ns. Piattaforma Didattica
Webmail Aruba
 
 
 Info Generali
Il Consiglio d'Istituto
Il Dirigente Scolastico
Il corpo docente
Il personale ATA
Giornale d'istituto
Contatti e recapiti
Elenco Siti Tematici
 
 
 EVENTI

 
 
 Progetto Premio Asimov

 
 
 Progetto SERVICE
''Scuola - Rotary Torre Guevara''
 
 
 PON 2014-2020

LABORATORI PROFESSIONALIZZANTI
SMART CLASS
Sussidi Didattici
Apprendimento e socialità - avviso 9707
Laboratori FESR B1
Laboratori FESR B2
Laboratori FSC B1
Laboratori FSC B2
Pon Inclusione sociale e Lotta al disagio
Percorsi per adulti e giovani adulti
Potenziamento dei percorsi di alternanza scuola-lavoro
Ambienti digitali
Rete LAN-WLAN
 
 
 Progetto didattico Unesco

La rete delle scuole Unesco
 
 
 Area dirigente
 
 
 Area docenti
 
 
 Area ATA
 
 
 Scuolanext

 
 
 Pago online

Istruzione per le famiglie
 
 
 Test Center ECDL
Avvisi
 
 
 Attività Sportive
Avvisi e informazioni
 
 
 SEDE via SICILIA
I docenti
Galleria fotografica
 
 
 SEDE via R.DANZI
I docenti
Galleria fotografica
 
 
 I volti del Novecento

Il progetto
Calendario 2ª annualità
Documenti e articoli
 
 
 Alternanza Scuola-Lavoro
Info e comunicazioni
Lavori prodotti
 
 
 Orientamento in uscita

Informazioni e comunicazioni
 
 
 ERASMUS +
Web 2.0 tools in education
Hands ON Minds ON
E-Commerce For START-UPS
Self Trust in using Technology
Human Eco-Friendly low level energy
 
 

Il giornale d'istituto...



sommario







pubblicato da
PORRETTI Maria Grazia
(A012 - Discipline letterarie negli istituti di istr 
13/12/2019 21:06:06

Giacomo Leopardi: un viaggiatore in cerca di “Infinito”

Un incontro interessante a cui abbiamo partecipato recentemente, è stata la celebrazione del bicentenario de l’Infinito di Giacomo Leopardi organizzata dalla D.Alighieri, e tenutasi nel palazzo della Cultura a Potenza. Per la verità noi l’anno scorso, abbiamo partecipato ad un concorso proprio riflettendo sull’Infinito di Giacomo Leopardi, bellissimo Canto, e nella nostra osservazioni, abbiamo espresso il personale pensiero sul concetto di “Infinito” che abbiamo presentato all’evento dopo che la Presidente della Società D. Alighieri e gli altri relatori avevano concluso i loro interventi. Dopo 200 anni dalla composizione di questa poesia oggi, ancora, viene ricordata e onorata ma anche interpretata. Leopardi compose questa poesia perché cercava l’infinito dentro di sé, essa fu scritta nell’anno orribilis per lui perché aveva, da tempo, problemi gravi fisici ma poi si riprese e l’anno divenne molto favorevole e costruttivo perché creò l’Infinito, questo fa capire che anche con molti problemi si può fare tesoro delle proprie qualità e capacità. L’ha scritta in un paese, Recanati dove la cultura era bigotta e chiusa, nonostante ciò lui cercava di acculturarsi sempre di più perché la cultura rende liberi. La poesia è piena di straordinaria modernità, è ciò che ha affermato il prof. V. Telesca, docente di storia e filosofia, che ha definito l’autore un viaggiatore immobile, perché riuscì ad immaginarsi cosa ci fosse dietro quella “siepe” tramite la sua immaginazione. La poesia è in paratassi (linea orizzontale) composta da 15 versi e per 13 volte c’è la presenza di E che dà un senso di attesa, ha affermato la prof.ssa A.Maria Basso, l’infinito è il punto che ognuno di noi deve avere. Nella poesia la parola siepe rappresenta l’ostacolo che non ci fa guardare oltre. Se non ci fosse la siepe non ci sarebbe neanche l’infinito, quindi le parole - infinito e siepe - sono unite nella poesia. Viene considerata anche la paura di ciò che il poeta non conosce, sentimento che viene anche evidenziato dal poeta. Leopardi non ha mai trasmesso pessimismo, se la lettura e la comprensione non vengono fatte in modo approssimato, dietro di essa ci sono tantissimi significati nascosti. Leopardi era un docente di sé stesso perché riuscì a tradurre il greco da solo, poi ha avuto la fortuna di vivere in una biblioteca, e questo lo ha sostenuto un altro poeta presente tra i relatori come la Basso, F. Marano.
Questo incontro è stato molto utile per capire anche le riflessioni che altri interpreti fanno del famoso testo leopardiano o comprendere meglio alcune parti oscure della poesia. Il concetto di Infinito porta a vedere oltre l’apparenza che richiede una riflessione profonda e realizza una proiezione della mente umana. Come ci vuol far capire Leopardi, ognuno di noi deve scoprire i propri limiti e deve cercare, dentro di sé, il proprio infinito. Esso è una cosa imprevedibile, ma nel nostro immaginario deve aprire scenari sempre positivi. La poesia ci ha lasciato un senso di amore verso la natura ma anche di paura di “un vago avvenire”. Inoltre ci ha sorpreso per la forte modernità presente in essa perchè Leopardi, con le sue originali considerazioni delle possibilità umane e sul futuro dell’uomo, ci ha fatto capire che nonostante la vita ci riservi ostacoli e preoccupazioni, non dobbiamo mai arrenderci ma lottare con coraggio e convinzione se vogliamo provare felicità.
Laginestra G. – Langone V. – Stolfi G.P.
Classe 2 A









pubblicato da
PORRETTI Maria Grazia
(A012 - Discipline letterarie negli istituti di istr 
13/12/2019 21:00:33

Il Girotondo

L’occasione che ci ha portati nelle sale della Regione Basilicata è stata offerta a noi studenti della 2 A, accompagnati dalla docente di Italiano e Storia, il 5 dicembre 2019 per partecipare alla presentazione del libro “Il Girotondo”, una raccolta di poesie scritte da Prospero Cascini, un ex dirigente scolastico originario di Castelsaraceno, in provincia di Potenza e che ci ha dato la possibilità di incontrare altri studenti del Liceo Pedagogico e dell’Ipias della nostra città. Al tavolo dei relatori vi erano membri importanti della nostra regione tra cui il presidente del consiglio regionale Carmine Cicala che si è cimentato nella lettura di una poesia, l’editore Monetti che ha pubblicato il testo, il dott. Giuliano garante per l’infanzia e per l’adolescenza. Il libro è stato introdotto da un video che parlava della Lucania “una terra che sa di briganti e ribellioni, di contadini e povertà che ti cattura con la sua bellezza selvaggia, che sfugge a ogni definizione”, così viene definita dall’ autore Prospero Antonio Cascini che utilizza le sue poesie per dialogare con i ragazzi di ieri e di oggi, in un ideale “girotondo” utilizzando sempre il concetto della persona Lucana, una persona determinata che non si accontenta mai, e che in ogni occasione tira fuori il meglio di sé. La presentazione è andata avanti con il pensiero del dottor Giuliano che ha espresso il suo concetto di studio e, rivolgendolo a noi, ha usato come similitudine l’immagine di un aquilone che, volando alto, tenta di staccarsi dalla terra per restare libero e non cadere. Questo inseguimento appartiene a noi giovani come metafora del rincorrere la libertà di pensiero e di espressione che dobbiamo sempre tenere presenti nella nostra vita, e non fermarci mai nella nostra crescita culturale, dobbiamo imparare a lottare per garantirci il senso di appartenenza alla nostra cultura e identità regionale. Quasi tutti hanno concordato sui valori che la popolazione Lucana esprime e hanno declamato poesie e frasi di autori famosi come Giacomo Leopardi. Ogni intervento è stato alternato alla lettura di testi poetici selezionati dagli studenti del Liceo Pedagogico che, insieme alle loro docenti, hanno partecipato ad un progetto. La presentazione è terminata con la lettura della poesia Matera 2019 prima in inglese, da parte dei compagni delle altre scuole potentine, e poi ritradotta in italiano dal presidente del consiglio regionale Cicala.
E’ stato un evento interessante per noi, nuovo nel suo genere, ma utile perché stiamo trattando il testo poetico in questo periodo con tutte le sue caratteristiche, studiando l’Italiano abbiamo compreso la bellezza della narrativa ma anche della poesia che esprimono passione e capacità notevoli, sia per parlare dei propri sentimenti che per farli capire agli altri: l’autore ci ha detto che spesso c’è più gusto a interpretare che non a scrivere le poesie per le emozioni che essa può suscitare.
Sentire parlare di Lucani con tanto orgoglio ci ha fatto molto piacere e ci ha coinvolti per tutta la durata dell’iniziativa lasciandoci un desiderio immenso di leggere e capire gli altri.
Giuliano P.D. – Frontuto G. - Landi L.P. - Langone V. – Leone M. - Picerno A. – Stolfi G.P.
Classe 2 A








 

<--indietro  1   2   3  4  5   6   7   8   9   10   11   12   13   14   15   16   17   18   19   20   21   22   23   24   25   26   27   28   29   30   31   32   33   34   35   36   37   38   39   40   41   42   43   44   45   46   47   48   49   50   51   52   53   54   55   56   57   58   59   60   61   62   63   64   65   66   67   68   69   70   71   72   73   74   75   76   77   78   79   80   81   82   83   84   85   86   87   88   89   90   91   92   93   94   95   96   97   98   99   100   101   102   103   104   105   106   107   108   109   110   111   112   113   114   115   116   117   118   119   120   121  avanti--> ]

 
 radioitigeo.it

 
 
 Orientamento in entrata

Iscrizioni A.S. 2021-22
 
 
 Amministrazione Trasparente
Fino al 22/01/2020
Dal 23/01/2020
Piano Triennale Prevenzione Corruzione
Criteri Valorizzazione Docenti
Codice di Comportamento
Codice Disciplinare
Graduatorie d'Istituto
 
 
 ALBO
Albo Pretorio
Albo Istituto
Esami di Stato
Privacy
Sicurezza nella scuola
Avvisi e circolari
Albo Sindacale
Delibere Organi Collegiali
Modulistica
 
 
 COVID 19
Normativa COVID 19
 
 
 PTOF E REGOLAMENTI
Atto di indirizzo 20/21-20/22
PTOF e PdM 2020/21
NAVIGA IL PTOF
Curricolo di Istituto
RAV 2019-2022
CARTA DEI SERVIZI
Regolamento di Ist. con DDI
Nuovo reg. attività negoziali
DPR 62/2013
PTTI PianoTriennaleTrasparenza
Regolamento Albo Pretorio
Regolamento viaggi di istruzio
PTOF 2019 2020
Patto di corresponsabilità
Piano Annuale per l'Inclusione
Reg. OO.CC. in mod. telematica
 
 
 Rendicontazione Sociale
Rendicontazione sociale
Risultati legati all'autovalut
Obiettivi formativi
 
 
 VALORIZZAZIONE MERITO DOCENTI

icona

ASSEGNAZIONE BONUS
 
 
 La buona SCUOLA

Dirette e Social
Il rapporto
I dibattiti
Campagna di ascolto
 
 
 Didattica
INVALSI
Siti di interesse didattico
I libri di testo
 
 
 Biblioteca

 
 
 Varie
Assicurazione
Le News
 
 
 Spazio Studenti
Discussioni, idee... e altro
Spazio rappresentanti
 
 
 ATTIVITÀ DELL'IIS
Anno scolastico 2020/21
Anno scolastico 2019/20
Anno scolastico 2018/19
Anno Scolastico 2017/18
Anni scolastici precedenti
 
 
 Museo della Comunicazione

 
 
 Progetto: ebrei internati in Basilicata

 
 





Privacy         Note Legali         Accessibilità  Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS!

  tel. 0971.444489  fax 0971.444489    C.F.: 96068000767
Codice meccanografico: PZIS022008    Codice Univoco per fatturazione: UFHM9R
email: pzis022008@istruzione.it     email certificata: pzis022008@pec.istruzione.it

Home | Area DS | Area studenti | Area genitori | Area docenti | Area ATA |Amministratore

 © Copyright 2015 InteractiveSchool 

Interactive School è un marchio registrato by Rocco De Stefano